DEVIL

Anna, 15 anni, Verona (Italy). La letteratura, la musica, l'arte, le creepers, le camicie, i maglioni, i pastelli, l'acrilico, gli acquerelli, i graffiti, il profumo dei libri, i treni, i viaggi, le stazioni, i concerti, gli abbracci, i temporali, la campagna, i tatuaggi, i piercing, la barba, i capelli colorati, i libri vecchi, le pagine ingiallite, le cuffie, i cd, lo stereo, il pianoforte, gli spartiti, l'inverno, il mare. Timida, sensibile, altruista, romantica, un casino di emozioni tutte assieme.

cactuseeds:

"Every night I come to the same place and wait til the sky catches up with my mood. The pattern is set. This is, no doubt, the end."

Submarine, 2010

(via infernosoffice)

Raduno tumblr a Verona, 28.09.2014

È stata una giornata molto importante e stupenda per me. Nel treno di andata, io e Vale abbiamo conosciuto due ragazze simpaticissime e siamo rimaste assieme quasi due ore, perché il treno aveva un ritardo di 35’ (che novità poi) e così abbiamo parlato della scuola e del lavoro. Poi, una volta arrivate, ci siamo salutate e io e Vale abbiamo aspettato che arrivassero le altre. Siamo andate al loro binario e io sono corsa in contro ad Eki e poi ho salutato Martina e Chiara. Una volta fuori, Vale ha indossato la maschera da cavallo e noi giù a ridere come deficienti. Si è avvicinato a noi un ragazzo abbastanza fatto e ci chiedeva se volevamo roba o se avessimo soldi e noi ci siamo “nascoste” dietro a tre inglesi. Poi, abbiamo fatto la conoscenza di un ragazzo rasta, molto simpatico ma purtroppo era di fretta. Verso le undici e mezza abbiamo conosciuto un ungherese, parlavamo in inglese e ci ha raccontato praticamente la sua vita e abbiamo conosciuto anche un palermitano. È rimasto con noi per un’ora e mezza circa e intanto ci siamo diretti verso il centro. Poi, Riccardo è dovuto tornare in stazione per prendere il treno e noi siamo rimasto con Daniel, l’ungherese. Noi gli parlavamo in italiano per confonderlo e lui ci parlava in ungherese, un delirio. Verso pomeriggio, Alessio ci ha raggiunti al Mc e poi siamo andati in giro. Donavamo abbracci e sorrisi agli altri e abbiamo fatto amicizia con un clown che faceva il “Free Hugs”, a cui sono corsa incontro. Daniel indossava sempre la maschera, io facevo foto a Eki e Vale con i ragazzi con la barba (asdfghj), Alessio faceva selfie ovunque e Martina e Chiara ci appoggiavano in tutto, offrendoci le caramelle. Infine, è arrivata Alex e le abbiamo raccontato tutta la giornata. La sera purtroppo ci siamo dovuti salutare tutti, tra un misto di felicità e tristezza. Io e Vale abbiamo preso il treno per ultime e lì, abbiamo conosciuto un ragazzo, Andrea. Abbiamo riso come coglioni, tra me che parlavo ormai inglese e con il raffreddore e Vale che faceva le facce. Boh, questa giornata è stata pazzesca e non mi pento di nulla. Forse, di aver abbracciato tutti troppe poche volte.

Ragazzi, vi voglio stra bene.

 Paulo Coelho — (via ilragazzomezzomorto)

(Fonte: ilragazzomezzomorto, via coldasthewinterwindwhenitbreeze)

È grave essere diversi?”
“È grave sforzarsi di essere uguali
TotallyLayouts has Tumblr Themes, Twitter Backgrounds, Facebook Covers, Tumblr Music Player and Tumblr Follower Counter
Tumblr Mouse Cursors